La Cantina

Mimmo Massimo e Davide Pasetti
Francesca Pasetti

La storia della cantina Pasetti fonda le proprie radici in epoca borbonica quando, il visionario trisavolo di Mimmo, Silvestro Pasetti comprò parecchi tomoli di terra dal Marchese Farina cominciando a impiantare vigneti. Suo figlio Rocco continuò a lavorare al sogno di suo padre non dandosi mai per vinto neanche quando si trovò ad affrontare e a sconfiggere il flagello della fillossera. E certamente se, di ritorno dalla guerra, non fosse saltato su una mina antiuomo proprio in quelle vigne che tanto amava, avrebbe appoggiato fortemente la coraggiosa scelta di Franco, il primo dei suoi quattro figli, di iniziare a vinificare. Intorno agli anni sessanta, il suocero di Franco, Miuccio, proprietario di un’osteria sul lungofiume di Pescara e commerciante di vini dentro e fuori regione, lo spinge a iniziare la vinificazione in proprio. Gli esiti della vinificazione danno risultati più che positivi fin dagli inizi sebbene in quegli anni in Abruzzo, come del resto in gran parte del Sud Italia, vigesse ancora la regola non scritta che il vino bisognava farlo come si era sempre fatto, ottenendo risultati buoni ma poco raffinati. Tenendo d’occhio la qualità pur mantenendo basso il prezzo, Franco riesce a farsi un nome e a far crescere la clientela e il fatturato. Eppure, egli resta un uomo dei campi, sa come sussurrare alle viti e ottenere da loro uve pregiate ma sente di avere ancora molto lavoro da fare in cantina per ottenere un prodotto superiore, da imbottigliare e da lanciare su un mercato più ampio. Sarà suo figlio, Mimmo ormai avviato agli studi di enologia a dargli la spinta per osare, a poco più di vent’anni dalla nascita della cantina, e imbottigliare il suo Montepulciano. Lo farà per celebrare la nascita della sua prima nipote Francesca, la figlia di Mimmo, una bambina dai capelli rossi proprio come quelli della bellissima madre di Franco, Rachele. In onore di queste due donne, che rappresentavano il suo passato e il suo futuro, decide di chiamare il vino Testarossa, un nome che oggi è simbolo e garanzia dell’eccellenza dei prodotti Pasetti.
L’erede di Franco, Mimmo, l’uomo che oggi porta avanti l’azienda, ha ereditato dal padre, modello costante e indiscussa fonte d’insegnamento, la riservatezza della gente d’altri tempi e l’amore viscerale per la sua terra. Però, pur conservando gelosamente il patrimonio di un territorio tradizionalmente poco incline a infiltrazioni esterne, forse anche a causa della conformazione geografica che lo caratterizza, Mimmo è un visionario. E questa sua visione lo spingerà ad acquistare i primi terreni nella zona pedemontana di Pescosansonesco, nel cuore del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

  • Mimmo
  • Cantina
  • Cantina
  • Cantina
  • Cantina
  • Cantina
  • Cantina
  • Cantina

    È così che gli inizi del nuovo millennio saranno anche quelli che vedono il sogno di Mimmo avverarsi. Sui nuovi terreni vi sono vigneti vecchi di quarantacinque anni in stato di semi abbandono, che vengono alacremente potati, legati, ripuliti con la caparbia certezza di chi sa che la natura saprà essere riconoscente e infatti, in primavera, compaiono già quelle prime gemme che non tarderanno a dare i frutti sperati. Dal 2000 questa vecchia vigna regala il vino di punta dell’azienda, l'Harimann, un vino rosso, setoso, imponente e raffinato insieme, dai tannini morbidi e suadenti, che porta il nome degli Harimanni, i soldati del nord che, in epoca medioevale, si stabilizzarono in Abruzzo. Uomini forti, coraggiosi, guerrieri. Come Mimmo. Le grandi escursioni termiche, la costante presenza del vento e il terreno ricco di diversità, che spaziano da composizioni argilloso-calcaree, a quelle ricche di scheletro e sottosuolo roccioso, sono fra le caratteristiche più apprezzate di questa zona soprattutto per un vignaiolo che ne intuisca le potenzialità. Una risorsa evidentemente irrinunciabile cui Mimmo decide di dedicare tutto se stesso passando dalla costa alla zona pedemontana avviando un processo di riconversione di tutti i vigneti costieri la cui gestione non garantiva più la qualità del prodotto desiderato e acquistando terreni anche nelle zone di Castiglione a Casauria e Capestrano. Tutti i vini prodotti oggi nascono dunque alle pendici dei monti della Laga e nel Parco Nazionale d’Abruzzo e rispecchiano la volontà aziendale di restare saldamente legati al territorio anche dal punto di vista delle uve coltivate. I vini dell’azienda sono, infatti, tutti prodotti con vitigni autoctoni, Montepulciano d’Abruzzo per l’Harimann e il Testarossa rosso, Trebbiano d'Abruzzo, Pecorino e Passerina per i bianchi e Moscatello di Castiglione per il Gesmino, uno straordinario passito ottenuto dal reimpianto di un vitigno quasi perduto. In un’epoca in cui la maggior parte dei viticultori ha impiantato vitigni internazionali come Cabernet, Merlot e Chardonnay, Mimmo ha puntato e investito sui vitigni che invece meglio si sposano con il territorio addirittura recuperandone alcuni la cui produzione era quasi scomparsa come il Pecorino, vincendo una scommessa importante che ha regalato un respiro più ampio e una nuova opportunità a tutta l’enologia abruzzese. Mimmo, pur essendo un uomo riservato e amante della solitudine, è presidente regionale della Coldiretti, e del CAI perché il suo entusiasmo per la produzione vinicola non è solo riservato alla propria azienda ma anche alle trentamila aziende agricole presenti in Abruzzo, un piccolo esercito di imprenditori che, se organizzati a dovere, potrebbe davvero cominciare a fare la differenza sul mercato del vino non solo nazionale ma anche su quello internazionale. Oggi Mimmo e sua moglie Laura una donna energica e dal grande intuito commerciale, gestiscono l’azienda insieme ai loro tre figli che si sono divisi in compiti e seguono rami imprescindibili e pur diversissimi: Francesca Rachele gestisce la parte amministrativa ed economica, Massimo l’export e la visibilità internazionale mentre Davide, che è enologo, si occupa più nello specifico della produzione dei vini.

    Famiglia Pasetti